San Giorgio in Bosco, i soldati nella scuola che non c’è più

Quali edifici scolastici del padovano non furono utilizzati, almeno per un breve periodo, come alloggio di soldati o ospedali di fortuna durante la Grande Guerra? Lo stesso accadde alla vecchia scuola elementare di San Giorgio in Bosco, un bell’edificio costruito nel 1886 su progetto dell’ingegnere civile Antonio Perazzolo.

«Durante la Grande Guerra (1915-18) la scuola venne occupata dalle truppe inglesi e francesi fino a quando, il 7 aprile 1918, lo stabile venne affittato all’Amministrazione Militare, che lo adibì ad ospedale militare, diretto dal capitano Alessandro Bonifacio», scrivono Gianni Pierobon e Renzo Brunoro in un vecchio articolo per il notiziario comunale*. Era l’Ospedale militare n. 043.

Monum_Caduti_S-Giorgio-Bosco
Il monumento ai Caduti di San Giorgio in Bosco

Nel citato articolo vengono elencati i nomi di sei giovani soldati che vi morirono, tutti provenienti da altre province italiane, i cui corpi furono sepolti nel cimitero locale e, come accadde per moltissimi altri soldati deceduti nei vari ospedali del padovano, i loro resti furono infine riesumati nel 1930 per essere definitivamente accolti nel Tempio della Pace, eretto nel frattempo in città: si trattava di Pasquale Melito (Avellino), Antonio Spada (Bronte, provincia di Catania), Angelo Campoli (Veroli, provincia di Frosinone), Giovanni Semeraro (Carovigno, provincia di  Brindisi), Giovanni Nervo (Solagna, provincia di  Vicenza), Nicola Molina (Gerace Marina, provincia di Reggio Calabria).

Dopo la costruzione della nuova scuola, nel 1972-73, il vecchio edificio passò ad altre funzioni (fu spogliatoio della locale squadra di calcio) e poi fu venduto a privati nel 1979. Nel maggio 1993 fu quindi abbattuto per lasciare il posto ad altre costruzioni. Un vero peccato, perché si trattava non solo di un luogo della memoria, ma – stando alle foto – anche di un edificio comunque di un certo pregio architettonico che oggi avrebbe ben figurato in paese.
A ricordare la Grande Guerra in paese rimane il Monumento ai Caduti del vicentino Napoleone Guizzon (1921, v. foto).

* Le presenti informazioni sono tratte dall’articolo “Care, vecchie scuole elementari di San Giorgio in Bosco”, a firma di Gianni Pierobon e Renzo Brunoro, pubblicato in San Giorgio in Bosco notizie n. 12 del 1993, pag. 45.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*